Villeggianti nel nostro villaggio

È cominciato il conto alla rovescia per le prossime amministrative. E ci si trova sempre più spesso a parlare del futuro delle nostre città, dei nostri paesi, dei nostri borghi. In un clima di rituale pessimismo mascherato da realismo.
I tempi sono difficili. I tempi sono duri. Non ci sono risorse.

E allora c’è chi propone di trovare il modo per fare business sulla nostra “grande bellezza”. Attirando miliardate di turisti bramosi di risanare i nostri sofferti bilanci. Anche a Formigine.

Io sorrido.
Perché Formigine è bella. Molto bella.
Ma non sono certo che anche inventando l’ennesimo Ponte Milvo, od un originalissimo Festival dei Festival, o riscoprendo la leggenda della dama Bianca troveremo il miele per attirare eserciti di generosi viandanti.

Eppure, noi dobbiamo comunque guardare ai nostri villaggi con spirito vacanziero. Eppure, noi dobbiamo guardare a Formigine come ad una città turistica.

Non (solo) per attrarre visitatori. Ma soprattutto per soddisfare quotidianamente il turista che è in noi. Per essere turisti a casa nostra.

Quando scegliamo un luogo per le nostre vacanze, desideriamo un luogo sereno, stimolante, bello. Un luogo dove ogni settimana si possa scegliere un concerto o una conferenza, una partita di calcetto o una sgambata sul green, una passeggiata in centro o una escursione fra i vigneti, una biciclettata in riva al fiume o una corsa nei parchi, un laboratorio teatrale o la presentazione di un libro, un aperitivo all’ombra del castello o una cenetta tipica in qualche ristorante tipico.

Ecco noi dobbiamo fare di ogni nostro villaggio un luogo dell’anima.
E noi formiginesi dobbiamo fare di Formigine il nostro luogo dell’anima.

Il luogo dove ci troviamo bene sempre. Per tutti i giorni dell’anno. Anche se non siamo in vacanza. Anche se non possiamo permetterci le vacanze.

Per questo oltre alla manutenzione ordinaria dobbiamo aver cura dei particolari. Di quei particolari che amiamo trovare nei luoghi di villeggiatura: piazze pulite, parchi curati, villeggianti educati, sorrisi, piantine con itinerari ciclopedonali, percorsi-salute nel verde, una segnaletica turistica all’altezza, una strada dei vini e dell’aceto balsamico, un’informazione puntuale e ridente delle decine e decine di manifestazioni culturali e folcloristiche, un calendario unico degli eventi.

E soprattutto l’idea che si possa ogni tanto vivere in leggerezza anche senza volare lontano. Villeggianti nel nostro villaggio.

formigine-castello

Castello di Formigine – Foto di Franco Bertolani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...