M’offende che Battiato s’offenda

Il neogovernatore della Sicilia nomina Battiato assessore alla cultura.
Battiato stoicamente accetta, ma dice di non volersi contaminare con la politica e che si offende se qualcuno lo chiama assessore.

Io sono un assessore alla cultura. E m’offende che Battiato s’offenda.

Fare l’assessore è fare politica. È essere al servizio dei cittadini. È amministrare la cosa pubblica. Un assessore può essere più o meno sveglio. Più o meno bravo. Più o meno o meno onesto (intellettualmente). Ma essere assessore, di per sé, non può essere un’offesa.

Se Battiato voleva evitare la contaminazione, bastava dicesse no. Ha molte altre cose da fare. Meditare, pontificare, chiosare le quarte di copertina dell’Adelphi. E talvolta persino comporre.

PS:  E poi, ha ragione Cacciari: dobbiamo smetterla di puntellare la nostra insipienza politica riverniciandoci ogni tanto con nomi eclatanti. Dobbiamo smetterla di imbellettare le nostre vergogne con fiche foglie di fico. Col guitto, col guru o col musicante ispirato di turno. O anche – e lo so che m’attiro le ire – coi figli, i nipoti, i fratelli e gli zii di martiri ed eroi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...